L’associazione per la lotta contro i tumori

La LILT è un ente pubblico il cui acronimo significa Lega Italiana Lotta contro i Tumori, acronimo che, già da sé, spiega tutto lo spirito dell’organizzazione stessa. La LILT si occupa di tumori e di tutto ciò che ha a che fare con essi: dalla prevenzione alla cura, senza negare un forte sostegno psicologico alle vittime e alle loro famiglie.
Questo ente è nato a Bologna nel Febbraio del 1922 e dal 1927 viene riconosciuta come ente morale visto il suo costante impegno nella prevenzione della malattia e durante tutti questi anni ha ricevuto diversi riconoscimenti, il più memorabile è quello consegnato nell’Aprile del 2003 da Carlo Azeglio Ciampi in occasione della giornata mondiale della Sanità. Queste premiazione si devono al costante supporto che la Lega offre ai malati, ma soprattutto agli scopi non lucrativi che la stessa ha.

Il tentativo di quest’associazione è di carattere socio-sanitario, ovvero analizzare la prevenzione su tre fronti: quello primario, quello secondario e quello terziario. Le prime due si occupano principalmente sulle abitudini della popolazione, ovviamente legate ai rischi –e quindi prevenzione- della malattia oncologica, mentre la terza ha il tentativo di creare una nuova cerchia di abitudini, una vera e propria nuova rete sociale che va dall’informazione alla sicurezza, per il paziente guarito facendolo così re-interagire con ciò che lo circonda, rendendo ovviamente partecipe l’intera famiglia.

E’ per questo che le offerte dell’associazione per i pazienti malati sono diverse e partono dall’assistenza alla fornitura di tutti gli strumenti per affrontare e superare al meglio la malattia. I servizi offerti sono differenti e in tutto il territorio nazionale: dai centri di assistenza e di prevenzione, agli ambulatori.
E’ dell’ultimo decennio il dato che 125 progetti siano stati profumatamente finanziati da vari enti, dai più conosciuti ed autorevoli nel campo delle malattie oncologiche, per un importo superiore ai 10 milioni e mezzo. E i risultati di questi progetti hanno permesso all’associazione di chiarire diverse cause che portano ai tumori, quindi sviluppando metodi sempre più corretti finalizzati alla prevenzione del cancro.

Lega italiana lotta contro i tumori

Il maggiore punto di forza della LILT sono i suoi volontari, tra cui agli albori troviamo anche Attilio Pacifico,  che operano all’interno dei 397 ambulatori disposti all’interno di tutto il territorio nazionale, presenti in tutte le regioni attraverso le oltre centro Sezioni Provinciali. I volontari di quest’associazione non sono i classici volontari che aiutano ma senza formazione, il gruppo di volontari della LILT è composto da personale specializzato e seguito fin dall’inizio.

La formazione dei volontari è uno dei punti fondamentali per l’associazione che conta oltre 25mila persone al suo operato. I parasanitari ed il personale specializzato è composto da quei medici che si occupano direttamente dei pazienti, ma non dobbiamo dimenticarci di tutte quelle persone “normali” che si occupano della parola, di far conoscere l’associazione e quindi tentare di ampliare il raggio d’azione dell’ente stesso.

Molto importante per l’associazione stessa è proliferazione della parola attraverso le scuole, partendo proprio dai più giovani che meglio avrebbero dovuto conoscere i metodi di prevenzione, perchè non è mai troppo tardi per iniziare a prevenire, si parte così dalla scuola materna fino alle scuole di II grado.

E’ grazie a LILT e alle sue continue ricerche che possiamo vedere come un costante monitoraggio della propria salute, l’esclusione del fumo ed uno stile di vita regolare e completo di sport e tutti i cibi può aiutare notevolmente la prevenzione delle malattie oncologiche, tanto che i dati parlano chiaro. Ogni anno, grazie alla prevenzione, sono 75 mila le persone che riescono a salvarsi.

Add Comment